Blog: http://LiberaliPerIsraele.ilcannocchiale.it

In Libia la Nato uccide i giornalisti come in Iraq e Afghanistan,o sei embedded o muori

 

Scritto da Gianfranco Belletti


Arrivano i primi bilanci sulle vittime del raid aereo Nato compiuto contro il quartier generale della tv libica. Sembrerebbe che 3 persone abbiano perso la vita, altre 15 sarebbero rimaste gravemente ferite. A darne la notizia è stato Khaled Basilia, direttore di Al-Jamahiriya (emittente araba).
''Tre nostri colleghi sono stati uccisi e 15 sono stati feriti mentre portavano avanti con la loro professionalità il loro lavoro di giornalisti libici”, ha dichiarato il direttore.
“Il raid” – ha poi continuato Bazilia – “è un atto di terrorismo internazionale, una'
violazione della risoluzione del Consiglio di Sicurezza Onu" Non ci sentiamo di dargli torto ,ormai fare il giornalista,ma soprattutto farlo secondo i crismi dell'onesta' verso l'interlocutore,direi e' diventato certezza di terminare la propria esistenza fuori dai naturali confini del tempo,stupido sarebbe meravigliarsi,comunque ingenuo....continua

Sicuramente a chi legge o a chi leggera' e' richiesto un piccolo sforzo,quello di comprendere la strumentalizzazione in atto,nessuno ha intenzione di difendere i dittatori,quindi i vizi del Gheddafi adagiato in lenzuola di seta e ammorbidito da sin troppi privilegi risuonano come una bestemmia,di sicuro pero' e' altrettanto criminale difendere gli interessi di poche persone,eletti senza approvazione popolare,che intendono risucchiare dalla crisi libica interessi e privilegi forti,anzi fortissimi,del tutto a discapito di quelli popolari in auge nei paesi soggetti all'aggressione.Della LIbia si e' parlato sin troppo,inutile stare ad approfondire ulteriormente particolari che sono reperibilissimi in rete,vorrei si pensasse che quando a ragione o torto si aggredisce con macchine da guerra un paese,si uccidono uomini,donne e bambini,in nome di un improbabile e strana missione di rappacificazione ,difficilmente se si colpiscono anche gli organi di informazione,i giornalisti e chi opera nel settore dell'informazione,si puo' poi vantare una moralita' che elevi al di sopra del barbaro che va' a rubare perche' in fondo ha bisogno di stare meglio di colui a cui sottrae..

http://www.notiziegenova.altervista.org/index.php/te-lo-nasondono/2752-in-libia-la-nato-uccide-i-giornalisti-come-in-iraq-e-afghanistano-sei-embedded-o-muori

Pubblicato il 31/7/2011 alle 11.39 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web