Blog: http://LiberaliPerIsraele.ilcannocchiale.it

In Germania crescono i rischi di attentati di matrice islamica

 klm_plane.jpg

L'areoporto Konrad Adenauer di Bonn-Colonia oggi è stato nuovamente al centro dell'opinione pubblica tedesca. Dopo la controversa vicenda dei 500 simpatizzanti del movimento «pro Köln» bloccati un giorno all'aeroporto dalla polizia per evitare che si unisessero alla conferenza antislam di Colonia, contro la costruzione della moschea, la polizia ha arrestato a bordo dell'aereo KLM diretto ad Amsterdam due terroristi islamici. I due volevano raggiungere l'Uganda dall'Olanda per unirsi ad una cellula terroristica. Si tratta di Abdizarak B., un somalo dell'età di 24 anni e di Omar D. un somalo-tedesco di 23 anni, convertito all'Islam e nato a Mogadiscio.

Alcuni minuti prima del decollo la polizia, salita a bordo dell'aereo, ha tratto in arresto i due terroristi. I due, sorvegliati già da alcuni mesi dalle forze di polizia tedesca, facevano parte dell'organizzazione Unione Jihad Islamica, la stessa alla quale appartenevano gli islamici arrestati a settembre in Germania, facente capo al tedesco convertito all'Islam Fritz Gelowicz.

Venerdì uno dei due arrestati  era di passaggio in Germania al termine di un soggiorno all'interno di un campo di addestramento per terroristi in Pakistan, l'altro invece arrivava da un campo addestramento in Afghanistan. Durante l'interrogatorio i due, che hanno più volte espresso il desiderio di morire nella guerra santa, uccidendo gli infedeli, non hanno però ammesso di aver contatti con le cellule islamiche di Bonn, le stesse in contatto con il ricercato tedesco di soli 21 anni, Eric Breininger ed Houssain Al Malla.

Eric Breininger ed Houssain Al Malla, in contatto con cellule saudite, sono invece protagonisti di un video visibile in internet dove dichiarano più volte il loro desiderio di farsi saltare in aria. Secondo le informazioni rilasciate dai servizi segreti, oggi Eric Breininger ed Houssain Al Malla vorrebbero far ritorno in Germania dal campo addestramento in Afghanistan per preparare un attentato sul suolo tedesco. Nonostante le rivelazioni emerse in seguito agli arresti, il ministro degli interni Schauble nega il rischio di attentati imminenti in Germania «Certo, la Germania è un bersaglio per i terroristi della mezza luna ma grazie ai controlli della Polizia, siamo in grado di rassicurare i cittadini tedeschi che non vi è alcun rischio di attentato imminente».

Già i primi di settembre, la polizia aveva smantellato diverse cellule terroristiche nei pressi di Bonn. Come reazione agli arresti, nei pressi di Colonia, la settimana scorsa tre adolescenti di soli 15, 16 e 17 anni avevano sparato contro due poliziotti. Secondo la stampa locale i tre avrebbero poi confessato di voler uccidere i due poliziotti per compiere un attentato di terrorismo islamico.

traldi@ragionpolitica.it

Pubblicato il 30/9/2008 alle 17.30 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web