.
Annunci online

  LiberaliPerIsraele “la libertà dell’Occidente si difende sotto le mura di Gerusalemme”
 
Diario
 








  







Liberali per Israele 






     
  A Shuny 
                     

    
  




 Contatori visite gratuiti


11 ottobre 2008

Deportazione dalla Grecia

 Qualcuno cerca ancora di sorridere ai propri cari separati, forse per fargli ( e farsi) coraggio, altri, sentendo incombere la catastrofe hanno il cuore gonfio di dolore, i bambini, allontanati dai padri piangono disperatamente, al loro arrivo al campo, Auschwitz li inghiottirà tutti e di loro non rimarrà che questa immagine.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Auschwitz

permalink | inviato da LiberaliPerIsraele il 11/10/2008 alle 16:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 aprile 2008

A PROPOSITO DI 25 APRILE

 

Il signore anziano con occhiali e berrettino blu che si vede in primo piano è Piero Terracina, ebreo, sopravvissuto ad Auschwitz, dove ha perso tutta la famiglia. È stato fischiato e contestato e insultato, in quanto “invasore della Palestina”. Non aggiungo commenti: mi auguro che non ne servano. PER NESSUNO.




6 novembre 2007

Il bordello dell'orrore: premiati col sesso gli schiavi di Auschwitz

 

Un'altra vergogna del Führer finisce finalmente sotto gli occhi di tutti : domani nella capitale viene inaugurata nel Memoriale antinazista di Neuengamme la mostra "Sex-Zwangsarbeit in NS-Konzentrationslagern" che documenta la prostituzione forzata nei campi di sterminio. Si squarcia definitivamente il velo che, in nome del "pu dore della memoria delle vittime", ha occultato fino ai nostri giorni uno dei capitoli più infami della condizione femminile nel Terzo Reich. La prostituzione entrò ad Auschwitz per volontà di Heinrich Himmler, il capo supremo delle Ss. Porta la sua firma il decreto dell'11 giugno 1942 che autorizzava i comandanti dei lager «a fornire femmine nei bordelli ai detenuti più laboriosi». Il provvedimento era illustrato come «un incentivo» per la produttività dei deportati che dovevano lavorare nei lager a sostegno dell'econo mia bellica. Un «premio di produzione» per i più instancabili. Nella visuale dei gerarchi nazisti, il sesso, oltre a stimolare la laboriosità degli internati, doveva anche costituire un forte deterrente contro l'omosessualità serpeggiante nelle baracche. Non doveva comunque dare nell'occhio e nel decreto si raccomandava di nascondere alla vista dei visitatori il bordello del lager, come avveniva per i forni crematori. La prima baracca a luci rosse fu aperta a Mauthausen nel giugno 1942. Le altre seguirono a ruota ad Auschwitz (un postribolo nel campo centrale e l'altro a Monowitz), Gusen, Buchenwald, Flossenburg, Dachau, Sachsenhausen e Mittelbau-Dora. Le schiave del sesso dovevano essere assolutamente ariane di ceppo germanico. Se scarseggiava il personale, si faceva uno strappo alla regola per le polacche. Erano tassativamente escluse le donne ebree e rom. In genere venivano riciclate come prostitute le condannate a pene detentive per reati comuni o per avere "contaminato la razza" in rapporti con uomini non ariani. La mostra di Nuengamme respinge la tesi che si trattasse di volontarie attratte da sconti di pena. Furono obbligate a concentrarsi nel lager femminile di Ravensbrück e da lì smistate nei bordelli accanto alle camere a gas. Privilegiate per la qualità del cibo e dell'alloggio e per l'igiene personale, erano però sepolte vive perchè non potevano mai uscire all'aperto nel tempo libero. «Queste donne erano rottami umani quando furono liberate alla fine della guerra - racconta la viennese Irma Trksak, sopravvissuta all'inferno di Ravensbrück -. Ogni giorno dovevano concedersi ad un'infinità di uomini. Uscirono dai lager distrutte, rovinate per sempre, molte sull'orlo della morte». E per la maggior parte di esse non c'è stato alcun risarcimento. La visita al bordello era scrupolosamente regolamentata dai burocrati di Adolf Hitler. L'incentivo sessuale era negato agli internati ebrei e russi. Occorreva presentare una richiesta scritta, la cui autorizzazione veniva resa nota pubblicamente durante l'appello mattutino. Era autorizzato soltanto "un coito in posizione normale" e una finestrella serviva alle SS per controllare il rispetto della norma.

ENZO PIERGIANNI


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sesso porno hard auschwitz

permalink | inviato da LiberaliPerIsraele il 6/11/2007 alle 23:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     settembre        novembre
 

 rubriche

Diario
La cucina ebraica
Filmati e humour
Documenti
Israele
Archivio
Ebraismo
Viale dei giusti e degli eroi
Made in Israel
Il meglio in libreria
Kibbutz

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Komunistelli
il reazionario
animaliediritti
Facebook
yahoo gruppi
informazione
israele
ucei
hurricane
CERCO CASA
Esperimento
Antikom
societapertalivorno
iljester
lehaim
milleeunadonna
lideale
bendetto
focusonisrael
asianews
viva israele
giuliafresca
stefanorissetto
ilberrettoasonagli
pensieroliberale
jewishnewssite
ControCorrente
Fort
Centro Pannunzio
bosco100acri
essere liberi
Fiamma
Maralai
Nomi in Ebraico
Barbara
Raccoon
Salon-Voltaire
Frine
Serafico
Enzo Cumpostu
Israele-Dossier.info
Dilwica
300705
Deborah Fait
Nuvole di parole
calendario laico
gabbianourlante
imitidicthulhu
Fosca
Geppy Nitto
Topgonzo

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom