.
Annunci online

  LiberaliPerIsraele “la libertà dell’Occidente si difende sotto le mura di Gerusalemme”
 
Diario
 








  







Liberali per Israele 






     
  A Shuny 
                     

    
  




 Contatori visite gratuiti


31 luglio 2011

In Libia la Nato uccide i giornalisti come in Iraq e Afghanistan,o sei embedded o muori

 
Scritto da Gianfranco Belletti


Arrivano i primi bilanci sulle vittime del raid aereo Nato compiuto contro il quartier generale della tv libica. Sembrerebbe che 3 persone abbiano perso la vita, altre 15 sarebbero rimaste gravemente ferite. A darne la notizia è stato Khaled Basilia, direttore di Al-Jamahiriya (emittente araba).
''Tre nostri colleghi sono stati uccisi e 15 sono stati feriti mentre portavano avanti con la loro professionalità il loro lavoro di giornalisti libici”, ha dichiarato il direttore.
“Il raid” – ha poi continuato Bazilia – “è un atto di terrorismo internazionale, una'
violazione della risoluzione del Consiglio di Sicurezza Onu" Non ci sentiamo di dargli torto ,ormai fare il giornalista,ma soprattutto farlo secondo i crismi dell'onesta' verso l'interlocutore,direi e' diventato certezza di terminare la propria esistenza fuori dai naturali confini del tempo,stupido sarebbe meravigliarsi,comunque ingenuo....continua

Sicuramente a chi legge o a chi leggera' e' richiesto un piccolo sforzo,quello di comprendere la strumentalizzazione in atto,nessuno ha intenzione di difendere i dittatori,quindi i vizi del Gheddafi adagiato in lenzuola di seta e ammorbidito da sin troppi privilegi risuonano come una bestemmia,di sicuro pero' e' altrettanto criminale difendere gli interessi di poche persone,eletti senza approvazione popolare,che intendono risucchiare dalla crisi libica interessi e privilegi forti,anzi fortissimi,del tutto a discapito di quelli popolari in auge nei paesi soggetti all'aggressione.Della LIbia si e' parlato sin troppo,inutile stare ad approfondire ulteriormente particolari che sono reperibilissimi in rete,vorrei si pensasse che quando a ragione o torto si aggredisce con macchine da guerra un paese,si uccidono uomini,donne e bambini,in nome di un improbabile e strana missione di rappacificazione ,difficilmente se si colpiscono anche gli organi di informazione,i giornalisti e chi opera nel settore dell'informazione,si puo' poi vantare una moralita' che elevi al di sopra del barbaro che va' a rubare perche' in fondo ha bisogno di stare meglio di colui a cui sottrae..

http://www.notiziegenova.altervista.org/index.php/te-lo-nasondono/2752-in-libia-la-nato-uccide-i-giornalisti-come-in-iraq-e-afghanistano-sei-embedded-o-muori




permalink | inviato da LiberaliPerIsraele il 31/7/2011 alle 11:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     giugno        agosto
 

 rubriche

Diario
La cucina ebraica
Filmati e humour
Documenti
Israele
Archivio
Ebraismo
Viale dei giusti e degli eroi
Made in Israel
Il meglio in libreria
Kibbutz

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Komunistelli
il reazionario
animaliediritti
Facebook
yahoo gruppi
informazione
israele
ucei
hurricane
CERCO CASA
Esperimento
Antikom
societapertalivorno
iljester
lehaim
milleeunadonna
lideale
bendetto
focusonisrael
asianews
viva israele
giuliafresca
stefanorissetto
ilberrettoasonagli
pensieroliberale
jewishnewssite
ControCorrente
Fort
Centro Pannunzio
bosco100acri
essere liberi
Fiamma
Maralai
Nomi in Ebraico
Barbara
Raccoon
Salon-Voltaire
Frine
Serafico
Enzo Cumpostu
Israele-Dossier.info
Dilwica
300705
Deborah Fait
Nuvole di parole
calendario laico
gabbianourlante
imitidicthulhu
Fosca
Geppy Nitto
Topgonzo

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom