.
Annunci online

  LiberaliPerIsraele “la libertà dell’Occidente si difende sotto le mura di Gerusalemme”
 
Diario
 








  







Liberali per Israele 






     
  A Shuny 
                     

    
  




 Contatori visite gratuiti


30 maggio 2011

La Georgia riconosce il genocidio dei Circassi

 

Il 20 maggio 2011 la Georgia ha riconosciuto come genocidio l’uccisione e la deportazione dei Circassi del Caucaso russo in epoca zarista. È il primo paese a riconoscere il genocidio circasso.

I Circassi, chiamati Adyghes nella loro lingua, sono una delle minoranze del Caucaso.  Durante il periodo zarista l’Impero Russo combatté una serie di guerre per sottomettere la regione, e intorno al 1860 uccise o spinse alla fuga decine di migliaia di Circassi. La maggior parte emigrò nell’Impero Ottomano (attuale Turchia), dove oggi  sono circa 2 milioni, mentre nel Caucaso ce ne sono circa 800.000.  

I Circassi, come altre minoranze della regione – soprattutto Ceceni e Daghestani – chiedono da decenni il riconoscimento del genocidio, ma il Cremlino e la comunità internazionale non hanno mai accolto le loro richieste.

I Georgiani hanno deciso di sollevare il problema per punzecchiare la Russia, che nel 2014 ospiterà le olimpiadi invernali proprio nel Caucaso, dove negli ultimi mesi si sono verificati numerosi sabotaggi – forse finanziati da Tbilisi – ai danni delle infrastrutture in costruzione.

Inoltre la Georgia è sempre più preoccupata della crescita dell’Abkhazia – resasi indipendente dalla Russia nel 2008 – che ha raddoppiato l’economia da quando sono iniziati i lavori per le olimpiadi. Riconoscendo il genocidio, la Georgia spera di seminare discordia fra Circassi e Abcasi, che si sono schierate insieme contro la Georgia nel 1992-93 e nel 2008, e mettere l’Abkhazia in una posizione difficile di fronte al Cremlino.

I problemi interni

La sera del 25 maggio 2011, pochi giorni prima della parata per il Giorno dell’Indipendenza, la polizia ha duramente represso una manifestazione dell’opposizione: negli scontri sono state uccise due persone e 90 sono state ferite.

Probabilmente queste manifestazioni  non cambieranno gli equilibri interni: il presidente Sakaashvili – che ha immediatamente accusato la Russia di aver organizzato la protesta – è tuttora popolare, e al momento non ci sono sfidanti degni di nota – anche perché nessuno ha intenzione di cambiare la politica estera per riallinearsi alla Russia.

Tuttavia il regime rischia le critiche dell’Occidente – in primis dell’UE – per i metodi repressivi utilizzati contro i dimostranti. Benché il governo Sakaashvili abbia fatto dell’integrazione con l’Europa una priorità – come testimoniano i tentativi di entrare nell’UE e nella NATO e alcune riforme economiche e legali – la Georgia presenta ancora la struttura centralizzata e semiautoritaria dei regimi post-sovietici, poco propensi ad accettare il dissenso delle opposizioni.

A cura di Davide Meinero




permalink | inviato da LiberaliPerIsraele il 30/5/2011 alle 19:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     aprile        giugno
 

 rubriche

Diario
La cucina ebraica
Filmati e humour
Documenti
Israele
Archivio
Ebraismo
Viale dei giusti e degli eroi
Made in Israel
Il meglio in libreria
Kibbutz

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Komunistelli
il reazionario
animaliediritti
Facebook
yahoo gruppi
informazione
israele
ucei
hurricane
CERCO CASA
Esperimento
Antikom
societapertalivorno
iljester
lehaim
milleeunadonna
lideale
bendetto
focusonisrael
asianews
viva israele
giuliafresca
stefanorissetto
ilberrettoasonagli
pensieroliberale
jewishnewssite
ControCorrente
Fort
Centro Pannunzio
bosco100acri
essere liberi
Fiamma
Maralai
Nomi in Ebraico
Barbara
Raccoon
Salon-Voltaire
Frine
Serafico
Enzo Cumpostu
Israele-Dossier.info
Dilwica
300705
Deborah Fait
Nuvole di parole
calendario laico
gabbianourlante
imitidicthulhu
Fosca
Geppy Nitto
Topgonzo

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom