.
Annunci online

  LiberaliPerIsraele “la libertà dell’Occidente si difende sotto le mura di Gerusalemme”
 
Diario
 








  







Liberali per Israele 






     
  A Shuny 
                     

    
  




 Contatori visite gratuiti


11 settembre 2009

Israele è l’unico paese in Medio Oriente che finanzia film severamente polemici verso lo stato e il governo

 

Teddy Leifler

La decisione di John Greyson di ritirare il suo film “Covered” dall’International Film Festival di Toronto è un ulteriore, ignobile esempio del disgustoso doppiopesismo che viene applicato ai danni di Israele, per diffamarlo e diffamare i cineasti israeliani.
Innanzitutto, l’International Film Festival di Toronto deve essere fiero d’aver mantenuto la sua decisione di andare avanti con il programma di film dedicati al centenario di Tel Aviv. Nonostante il Festival venisse scaraventato in una incresciosa posizione a causa di una vera e propria aggressione e di una imbarazzante pubblicità, i direttori hanno dimostrato determinazione e grande integrità.
John Greyson sostiene che la sua decisione di ritirare il film è dovuta ai contributi finanziari giunti quest’anno al festival dal governo e da privati israeliani. Su queste basi non dovrebbe allora boicottare il fatto stesso di andare a vedere qualunque film israeliano? Ad esempio, il film “Valzer con Bashir” non sarebbe mai stato girato senza i finanziamenti forniti dal Film Council israeliano. Proiettato esattamente un anno fa al Film Festival di Toronto, si tratta di una fotografia profondamente critica e polemica del ruolo delle Forze di Difesa israeliane in Libano. Israele è l’unico paese in tutto il Medio Oriente il cui governo garantisce finanziamenti statali alla produzione di film e altre opere d’ingegno che sottopongono a severa critica lo stato stesso e le sue politiche. Ma questo concetto sembra sfuggire del tutto a Greyson.
L’idea che la comunità cinematografica israeliana sia una sorta di portavoce del governo israeliano è semplicemente ridicola. Come in molti altri paesi, l’industria del cinema israeliana è liberale, diversificata e offre tutta una serie di voci che criticano lo status quo. E come in molti altri paesi, compreso quello di Greyson (il Canada) e il mio (il Regno Unito), la produzione di film sarebbe drammaticamente scarsa senza i tanto necessari finanziamenti statali.
L’effetto che Greyson si augura di ottenere, suppongo, è che la sua assenza, o perlomeno l’annuncio della sua assenza, metta in difficoltà gli organizzatori del Festival di Toronto, tormentandoli e intimidendoli. Non si tratta di un caso isolato. Abbiamo già visto Ken Loach abusare del suo status per intimidire sia l’International Film Festival di Edimburgo che l’International Film Festival di Melbourne, sempre e solo su questo tema. Forse, adottando un atteggiamento altrettanto intimidatorio di quello di Loach, Greyson spera che il suo film goda alla fine di maggiore risalto e maggiori applausi. Tristemente, invece, l’unico risultato che verrà da questo genere di scelte sarà molto probabilmente alienazione e malessere per i cineasti israeliani, colpiti unicamente in base alla loro nazionalità, cioè per il solo fatto di essere israeliani: un agghiacciante effetto collaterale che non potrebbe essere più controproducente. Coloro che operano nel campo delle arti in Israele, e per la verità in tutte le regioni conflittuali, sono proprio quelli che devono sentirsi inclusi, non esclusi. Naturalmente lo stesso vale per tutto il mondo accademico.
I boicottaggi di questa natura non colpiscono la politica del governo: riducono soltanto il numero di persone con cui si possono avere utili scambi di opinioni. E silurano la ricerca di soluzioni pacifiche, ostracizzando deliberatamente importanti sostenitori dei progressi in quel senso.
Lo sa, John Greyson, che esistono molti intrepidi film, prodotti in modo indipendente da cineasti israeliani spesso col determinate supporto di fondi statali, e che i migliori registi israeliani possono dire esattamente quello che vogliono, senza timore di nessuna ripercussione? Una democrazia matura alimenta la libera produzione artistica. Perché mai si dovrebbero respingere questi artisti? Purtroppo, temo, la decisione di John Greyson ha più a che fare con John Greyson stesso che con qualunque altra cosa. Confezionata come una presa di posizione etica e politica, di fatto si tratta solo di una montatura propagandistica. Presumibilmente, allo scopo di ottenere il massimo effetto (intanto continua benevolmente a esibire il suo film on-line), Greyson ha aspettato a ritirare il suo film appena prima che iniziasse il Festival di Toronto, sebbene da mesi sapesse (e criticasse) la sponsorizzazione israeliana.
Non è troppo tardi perché Greyson cambi idea, porti la sua opera al Festival e si impegni seriamente sulla questione. Nel frattempo, comunque, non è che perderò il sonno. C’è sempre gente che sembra troppo votata ad una demonizzazione, intellettualmente confusa e superficiale, sempre dello stesso paese, anche se questo significa concentrare la condanna proprio sui soggetti più aperti, creativi e progressivi di quel paese.

(Da: Jerusalem Post, 10.09.09)

Nella foto in alto: l’autore di questo articolo, Teddy Leifler, regista e produttore televisivo, copresidente della fondazione RISE che gestisce programmi educativi per bambini svantaggiati in Africa.




permalink | inviato da LiberaliPerIsraele il 11/9/2009 alle 10:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     agosto        ottobre
 

 rubriche

Diario
La cucina ebraica
Filmati e humour
Documenti
Israele
Archivio
Ebraismo
Viale dei giusti e degli eroi
Made in Israel
Il meglio in libreria
Kibbutz

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Komunistelli
il reazionario
animaliediritti
Facebook
yahoo gruppi
informazione
israele
ucei
hurricane
CERCO CASA
Esperimento
Antikom
societapertalivorno
iljester
lehaim
milleeunadonna
lideale
bendetto
focusonisrael
asianews
viva israele
giuliafresca
stefanorissetto
ilberrettoasonagli
pensieroliberale
jewishnewssite
ControCorrente
Fort
Centro Pannunzio
bosco100acri
essere liberi
Fiamma
Maralai
Nomi in Ebraico
Barbara
Raccoon
Salon-Voltaire
Frine
Serafico
Enzo Cumpostu
Israele-Dossier.info
Dilwica
300705
Deborah Fait
Nuvole di parole
calendario laico
gabbianourlante
imitidicthulhu
Fosca
Geppy Nitto
Topgonzo

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom