.
Annunci online

  LiberaliPerIsraele “la libertà dell’Occidente si difende sotto le mura di Gerusalemme”
 
Diario
 








  







Liberali per Israele 






     
  A Shuny 
                     

    
  




 Contatori visite gratuiti


18 dicembre 2008

8 anni dal linciaggio di Ramallah [da "yedioth ahronot"]

 

         



Sono passati 8 anni da quando due soldati riservisti israeliani sbagliando direzione si vennero a trovare in territorio palestinese e lapidati da una folla furente. Poliziotti in divisa parteciparono al linch e gettarono le salme insanguinate in preda alla folla.
Una testimonianza del poliziotto Shiech dal carcere israeliano:
il giorno 12. 10. 2000 una macchina  attiro' l'attenzione dei passanti a Ramallah. Appena riconosciuta la targa israeliana ed il tipo di macchina insolito dalle nostre parti mandai un poliziotto ad indagare, e questo riferi' che nella macchina ci sono due persone "strane". 
  Mi avvicinai personalmente ed alla mia domanda risposero di aver perduta la direzione e di voler telefonare per chiedere aiuti.
Dopo aver compreso che si trattava di israeliani sequestrai il loro cellulare ed un fucile che si trovava in macchina, e li dichiarai in arresto. Da principio si opposero, ma io li minacciai con il fucile.
Gia' per la strada verso il posto di polizia i poliziotti cominciarono a bastonarli, mentre una folla inferocita dava fuoco alla macchina e cercava di impadronirsi dei prigionieri.
Per la grande confusione entrammo di corsa nell'edificio della polizia chiudendo le porte.
Io pregai la folla di permetterci di fare il nostro lavoro ,e promisi di consegnare i prigionieri piu' tardi.
C'erano all'incirca 1000 persone armate di bastoni e coltelli che cercavano di abbattere il portone per entrare.  A questo punto i prigionieri furono portati nell'ufficio del comandante, ma nel frattempo parte della folla riusci' ad entrare nell'edificio.
Molti entrarono nell'ufficio del comandante, e presero a colpire i due soldati finche' caddero al suolo.
Non essendo io conscio del mio comportamento [!], presi un grosso tubo di ferro per farla finita. C'era un chiasso indiavolato. Vidi uno dei due soldati impaurito e gli diedi una mazzata sulla testa, e poi ancora 5 volte finche' lo vidi morto.
Prima di morire il prigioniero chiese pieta', ma io non ci feci caso perche' ero in stato di grande eccitazione. Non ho provato nulla, e non mi sono pentito.
Il poliziotto Shiech si tenne nascosto per 2 settimane sapendo d'essere ricercato, ma infine torno' a casa e venne catturato immediatamente. 2 anni dopo il linch venne condannato dal tribunale israeliano a carcere a vita.
Ma Shiech e' sicuro che fra poco sara' liberato.

Da Letizia che ringrazio



sfoglia     novembre        gennaio
 

 rubriche

Diario
La cucina ebraica
Filmati e humour
Documenti
Israele
Archivio
Ebraismo
Viale dei giusti e degli eroi
Made in Israel
Il meglio in libreria
Kibbutz

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Komunistelli
il reazionario
animaliediritti
Facebook
yahoo gruppi
informazione
israele
ucei
hurricane
CERCO CASA
Esperimento
Antikom
societapertalivorno
iljester
lehaim
milleeunadonna
lideale
bendetto
focusonisrael
asianews
viva israele
giuliafresca
stefanorissetto
ilberrettoasonagli
pensieroliberale
jewishnewssite
ControCorrente
Fort
Centro Pannunzio
bosco100acri
essere liberi
Fiamma
Maralai
Nomi in Ebraico
Barbara
Raccoon
Salon-Voltaire
Frine
Serafico
Enzo Cumpostu
Israele-Dossier.info
Dilwica
300705
Deborah Fait
Nuvole di parole
calendario laico
gabbianourlante
imitidicthulhu
Fosca
Geppy Nitto
Topgonzo

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom