.
Annunci online

  LiberaliPerIsraele “la libertà dell’Occidente si difende sotto le mura di Gerusalemme”
 
Diario
 








  







Liberali per Israele 






     
  A Shuny 
                     

    
  




 Contatori visite gratuiti


30 settembre 2008

Separati alla nascita? quanto si assomigliano Ariel Toaff e Tariq Ramadan

 

lo fa notare Elena Loewenthal

Testata: La Stampa
Data: 30 settembre 2008
Pagina: 35
Autore: Elena Loewenthal
Titolo: «Toaff-Ramadan smettetela di fare le vittime»

Da La STAMPA del 30 settembre 2008, un articolo di Elena Loewenthal:
 

(a sinistra, Ariel Toaff;  a destra Tariq Ramadan)

Separati alla nascita? Chissà. Non è da escludersi, malgrado le distanze, anagrafiche e non: Tariq Ramadan e Ariel Toaff sembrano fatti con la stessa fetta di DNA - intellettuale, s’intende. Quanto si assomigliano, le loro recenti avventure culturali: sarà pure una coincidenza, ma certo sembra fatta apposta per i sofisticati meccanismi mediatici di questi tempi.
Entrambi hanno infatti bucato lo schermo - intellettuale, s’intende sempre - con posizioni discutibili. Ma a ben guardare, la loro vocazione polemica si fonda più sulla forma che sui contenuti. L’ambiguità lessicale è cifra comune a entrambi. Per lo storico Toaff si è esercitata in un elegante gioco delle parti fra verbi indicativi e condizionali, che tramutava la congettura in verità, l’ipotesi in evidenza. Per l’accademico Ramadan è sempre tutta questione di sfumature: dire la stessa cosa, in arabo o in francese, significa dirne un’altra. La doppiezza è una necessità, praticamente una virtù.
Levato il polverone, entrambi si sono imposti una pausa di circostanza. Ma mica per niente. Anzi. Per pensarci su. E ora, curiosa ironia della sorte (o scherzi del DNA? chissà) tornano entrambi sui banchi delle librerie. Con due saggi. Due pamphlet. Due distillati delle loro verità: Islam e verità (Ramadan, per Einaudi), Ebraismo virtuale (Toaff, Rizzoli). Le verità in questione sono, ancora una volta in mirabile simmetria, così profonde da risultare quasi banali: l’islam è compatibile con la modernità e l’Occidente (l’uno), gli ebrei non sono né meglio né peggio degli altri (l’altro).
Come nasce l’ispirazione? Semplice. Cioè, spesso è una faccenda complicata, ma non qui: entrambi i libri hanno infatti per movente la denuncia dell’incomprensione. Sono stati scritti con l’intento di spazzare via l’equivoco (proprio quello grazie al quale si erano sollevati i polveroni mediatici - intellettuali, s’intende ancora). Ramadan e Toaff lamentano di non essere stati capiti. «Questa è un’opera di chiarificazione. Illustro in maniera volutamente accessibile le idee fondamentali...» attacca Ramadan. «Volutamente accessibile»? Ma come? Altrove era stato forse «volutamente inaccessibile» o «involontariamente accessibile»? «Questo saggio parte proprio da qui, da una considerazione pessimistica e gravida di pesanti implicazioni», mette subito in chiaro Toaff.
Quando ci si deve spiegare dopo che non si è stati capiti, ci vogliono le virgolette. Ramadan ne mette a bizzeffe. Toaff un po’ meno, ma dissemina il suo pamphlet di verità sull’ebraismo passivo, autoreferenziale. Buono e/o cattivo. Però in fondo il discorso è sempre quello: tanto l’uno quanto l’altro si chiamano fuori. Denunciano per distinguersi. Lamentano per distanziarsi. Come? Usando il vittimismo: ora vi racconto come stanno le cose. Datemi retta, io lo so. Io so, per il semplice fatto che gli altri non mi hanno capito. Qui sta l’ispirazione: in quel sussiego tutto particolare che nasce dal sentirsi a un tempo maltrattati (mediaticamente parlando, s’intende) e illuminati. Una forma evoluta di complesso di persecuzione. Perché come ben sanno tanto Ramadan quanto Toaff, il troppo stroppia, il vittimismo quand’è esagerato diventa spacconeria e si fa in fretta a cascare nel ridicolo. Per fortuna che una virgoletta (o due) li salveranno.

Per inviare una e-mail alla redazione della Stampa cliccare sul link sottostante

lettere@lastampa.it




permalink | inviato da LiberaliPerIsraele il 30/9/2008 alle 19:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     agosto        ottobre
 

 rubriche

Diario
La cucina ebraica
Filmati e humour
Documenti
Israele
Archivio
Ebraismo
Viale dei giusti e degli eroi
Made in Israel
Il meglio in libreria
Kibbutz

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Komunistelli
il reazionario
animaliediritti
Facebook
yahoo gruppi
informazione
israele
ucei
hurricane
CERCO CASA
Esperimento
Antikom
societapertalivorno
iljester
lehaim
milleeunadonna
lideale
bendetto
focusonisrael
asianews
viva israele
giuliafresca
stefanorissetto
ilberrettoasonagli
pensieroliberale
jewishnewssite
ControCorrente
Fort
Centro Pannunzio
bosco100acri
essere liberi
Fiamma
Maralai
Nomi in Ebraico
Barbara
Raccoon
Salon-Voltaire
Frine
Serafico
Enzo Cumpostu
Israele-Dossier.info
Dilwica
300705
Deborah Fait
Nuvole di parole
calendario laico
gabbianourlante
imitidicthulhu
Fosca
Geppy Nitto
Topgonzo

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom