.
Annunci online

  LiberaliPerIsraele “la libertà dell’Occidente si difende sotto le mura di Gerusalemme”
 
Diario
 








  







Liberali per Israele 






     
  A Shuny 
                     

    
  




 Contatori visite gratuiti


3 luglio 2008

Entebbe 32 anni dopo






Sono passati esattamente 32 anni dal Raid di Entebbe ( Operazione
Yonathan ) riconosciuta ancora oggi come la piu brillante operazione
di antiterrorismo mai avvenuta.

In Israele il segreto militare dura 32 anni, ma ancora oggi ci sono
alcuni punti oscuri sulla brillantissima operazione .

Yahuda Avner che ha fatto parte degli staff di 5 primi ministri
Israeliani fra cui Itzhack Rabin , ricostruisce il dietro le quinte
di quello che avvenne in quei giorni di 32 anni fa in Israele .

Il 27 giugno 1976 il generale Ephraim Poram entra senza nessun invito
ad una riunione del governo Israeliano e porge un biglietto a Rabin .
Al primo ministro Israeliano basta guardare la faccia del suo amico e
compagno di armi per capire che c'e qualcosa che non va , nel
biglietto c'e scritto " il volo air france 139 in volo da Tel Aviv a
Parigi, e stato dirottato dopo il suo stop al aeroporto di Atene ".

Rabin studia il biglietto e scrive a matita sul retro del pezzo di
carta ,
1 Quanti Israeliani a bordo ?
2 Quanti dirottatori a bordo ?
3 Verso dove stanno volando ?

E porge il biglietto al generale Poram .

Alcuni minuti dopo mentre il governo Israeliano sta discutendo del
prezzo del pane la notizia arriva anche agli altri ministri, che
cominciano a parlare ad alta voce del dirottamento, Rabin chiama
tutti alla calma e dice che al momento l'unica cosa certa e che
l'aereo e un air france.

Poi chiede al consulente legale del governo Haim Zadok , " quale
sarebbe lo status dei passeggeri sul aereo ? "

Zadok risponde immediatamente " laereo e territorio francese, i
francesi sono responsabili per l'incolumita di tutti i passeggeri "

Igall Allon viene incaricato di prendere contatto col governo
francese , e quando sta per lasciare la stanza Zadok gli dice " di ai
francesi di non fare distinzioni fra passeggeri Israeliani e non "

Il generale Poram rientra nella stanza e porge un altro biglietto a
Rabin su cui ce scritto " 230 passeggeri a bordo , 83 sono
Israeliani , 12 membri del equipaggio, i Libici hanno permesso al
aereo di atterrare a benghazi per fare rifornimento "

Al che Rabin disse , " adesso almeno sappiamo dove sono "

Anche Allon rientra nella stanza e da a rabin una nota del ambasciata
Francese a Tel Aviv in cui si dice " il governo francese informa il
governo Israeliano che si prende la piena reponsabilita per la salute
dei passeggeri del aereo dirottato, senza nessuna eccezzione , e
terra' informato il governo israeliano del evolversi della
situazione" .

nel pomeriggio arrivano nuovi aggiornamenti l'aereo ha lasciato
benghazi e non si sa dove sia diretto , i terroristi sono 4
palestinesi del fronte per la liberazione della palestina e 2
tedeschi del gruppo che si fa chiamare " cellule rivoluzionarie "

Alle 4 del mattino il generale Poram chiama Rabin e lo informa che
l'aereo e atterrato ad Entebbe in Uganda , Rabin gli dice " meglio di
un paese arabo , credo che abbiamo discreti rapporti con Idi Amin e
abbiamo del personale che ha lavorato in Uganda scopri chi sono e ci
aggiorniamo a fra poco, ci sono richieste dei dirottatori ?

Poram " no al momento nessuna richiesta "

Al 8.30 del mattino dopo che al governo Israeliano vengono trasmesse
le richieste dei dirottatori , che vogliono la liberazione di 53
terroristi ( che loro chiamano compagni ) detenuti per la maggior
parte in israele ma anche in Svizzera , Germania, Francia, e Kenia .

I terroristi vogliono che i loro compagni vengano trasferiti entro 48
ore ad Entebbe e dopo libereranno i passeggeri .

Se non verranno soddisfatte le richieste dei teroristi i passeggeri
verranno giustiziati uno ad uno a partire dalle 2 del pomeriggio del
1 di luglio .

Shimon Peres allora ministro della difesa comincio un discorso sul
come e perche israele non doveva cedere al ricatto dei terroristi,
Rabin lo zitti e gli disse " ragioniamoci tutti sopra e ci
incotreremo fra qualche ora "

Cosi andava in quei giorni fra Rabin e Peres , semplicemente non si
sopportavano .

Rabin ricevette anche informazioni su Idi Amin e arrivo alla
conclusione che Amin era in combutta coi terroristi , e disse al
generale Poram , nella prossima riunione di governo voglio che sia
presente anche Mota Gur (allora era il Capo di stato maggiore )

Poram gli chiese " ok va bene ma cosa hai in mente ? "

Rabin rispose " no nessuna idea ma nemmeno Peres ha idee , non voglio
sentire i suoi discorsi da Pontefice sul non trattare coi terroristi
senza ascoltare cosa abbia da dire Gur al riguardo "

Poco dopo alla riunione Rabin Chiese a Gur " dimmi se l'esercito ha
la possibilita di intervenire e salvare gli ostaggi "

Peres decisamente arrabbiato perche vedeva scavalcato il suo ruolo di
ministro della difesa alzo la voce e disse " non abbiamo ancora
studiato niente al riguardo e io e Gur non ci siamo ancora parlati "

Rabin " Cosa ? 53 ore dopo il dirottamento e tu non hai ancora
parlato col capo di stato maggiore di una possibile operazione
militare ?

Rabin era furioso, si giro verso Mota Gur e gli disse con tono molto
deciso " ce l'hai un operazione militare o no ?

Peres voleva ancora intervenire ma Rabin lo zitti e fece segno a Gur
di rispondere .

Gur disse " abbiamo iniziato a studiare i preliminare di un piano di
attacco "

Gur era un brillantissimo generale e lui che guido i paracadutisti
israeliani a liberare la parte vecchia di gerusalemme nel 1967 .

Rabin disse " allora io ne intendo che non hai un piano al momento e
io allora ( qui prese una pausa di qualche secondo per pensarci bene )
prendo in cosiderazione di trattare coi terroristi per liberare gli
ostaggi .

I ministri aprirono una furiosa discussione su come sia possibile
liberare dei prigionieri in mezzo al africa a 4000 KM da Israele,
nessuno voleva trattare coi terroristi .

Piu tardi Rabin in compagnia dei suoi piu stretti collaboratori
disse " mi sono spesso immaginato in mezzo ad una situazione del
genere, e di avere cittadini israeliani in ostaggio in territorio
straniero e ragionandoci molto so per certo che in assenza di una
valida alternativa militare , il mio obbligo e di trattare coi
terroristi , non posso nemmeno pensare di parlare ad una mamma che ha
perso suo figlio , perche io ho rifiutato di negoziare "

30 giugno , 8.30 del mattino , Rabin apre la riunione del gabinetto
israeliano annunciando " i terroristi hanno separato gli Ebrei dai
non Ebrei.
I non Ebrei sono gia stati liberati , gli Ebrei ancora in mano dei
terroristi sono 98 " e chiese ancora a Mota Gur " chiedo ancora al
capo di stato maggiore se ha un opzione militare ?

Gur rispose " abbiamo tre opzioni :

1 lanciare un attacco a sorpresa arrivando al aeroporto di entebbe
atraverso il lago di vittoria che gli e molto vicino .

2 Attirare i terroristi qui in israele e poi attaccarli a sorpresa .

3 paracadutare truppe scelte direttamente sul aeroporto.

I ministri davano segni di nervosismo qualcuno sorrise ironicamente
facendo capire che le opzioni erano quasi impossibili da realizzare .

Rabin chiese a Gur " qualcuna di queste opzioni e seriamente
attuabile con una buona probabilita di successo "

Gur rispose " no "

Rabin disse " l'ultimatum dei terroristi scade domani alle 2 del
pomeriggio , io allora dico che il governo israeliano accetta di
trattare coi terroristi per la liberazione degli ostaggi , le
trattative verranno portate avanti dal governo francese , non
cercheremo di guadagnare tempo ma tratteremo seriamente, allo stesso
tempo lavoreremo per vedere se e sempre possibile attuare un
operazione militare "

Peres disse " non sono daccordo "

Rabin rispose ' non avevo dubbi "

Peres alzo la voce " noi non abbiamo mai accettato in passato di
trattare con terroristi che uccidono i civili, se trattiamo con i
terroristi il mondo ci sorridera ma non ci rispetteranno, se li
attacchiamo magari il resto del mondo ci sara contro ma almeno ci
rispetteranno, anche se molto dipendera dal esito del operazione "

Rabin rispose " accidenti a te Shimon e alla tue retorica, se hai una
proposta fatti avanti e noi la ascolteremo , noi giochiamo con le
vite dei nostri fratelli, sai cosa ci diranno se non trattiamo ?
Che dopo la guerra del Kippur abbiamo scambiato prigionieri egiziani
e siriani per avere indietro i corpi dei nostri soldati morti in
battaglia, come posso adesso rifiutarmi di trattare per riportare a
casa degli Ebrei prima che stanno per essere giustiziati ? "

Peres non disse piu niente e quando si ando' al voto anche lui voto a
favore di intavolare trattative con i terroristi .

la mattina dopo , poco ore prima della scadenza del ultimatum Israele
disse di essere pronto a trattare con i terroristi .

Il capo del opposizione Menahem Beghin ( storico nemico di Rabin )
chiese di parlare privatamente con Rabin e gli disse " Signor primo
ministro questa non e una diatriba fra governo e opposizione questa e
una questione di interesse nazionale , e io rendero pubblico che
qualsiasi decisione prenda il governo per aiutare a salvare la vita
di Ebrei innocenti verra supportata dal opposizione.

Rabin colpito dalle parole di Beghin gli strinse la mano e lo
ringrazio .

Poche ore dopo le agenzie di stampa di tutto il mondo annunciavano "
Israele si arrende ai terroristi "

Poco dopo i Francesi annunciavano che i terroristi acconsentivano di
allungare la scadenza del ultimatum di 48 ore per agevolare le
trattative .

Il giorno dopo il generale Poram irruppe nel ufficio di Rabin e gli
disse " Peres e Gur stanno lavorando ad un piano e dicono che e
fattibile "

Rabin rispose " ci credo solo quando lo vedo "

ma il piano era veramente pronto e Rabin lo studio e lo approvo .

Alla riunione di governo del giorno dopo disse " come sapete ero
favorevole a trattare coi terroristi in mancanza di un piano
militare , ma adesso il piano ce lo abbiamo "

Gur comincio a spiegare il piano al governo di Israele nei minimi
dettagli, di come avrebbero preso possesso del aeroporto fino anche
alla distruzione del aviazione ugandese "

Alcuni ministri chiesero " quanti uomini valutate che perderemo nel
operazione ? "

Rabin rispose " non ho idea di quanti morti subiremo fra gli ostaggi
e fra i soldati che manderemo in Uganda , ma anche se fossero 15 o
magari 20 io sono a favore del operazione "

Un altro chiese " e sei sicuro che sia meglio questa operazione che
trattare coi terroristi ? "

Rabin disse " non ho nessun dubbio che un operazione militare sia
meglio che trattare coi terroristi anche se le perdite saranno
pesanti "

Il governo Israeliano approvo immediatamente l'opzione militare
dopodiche ancora una volta Beghin chiese di parlare con Rabin e gli
disse " signor primo ministro ieri non cera nessun piano militare e
io le ho dato la mia approvazione a trattare coi terroristi, oggi che
abbiamo un piano militare che vuole riportare a casa degli ebrei in
pericolo di vita, anche io le do la mia massima approvazione e tutto
il mio supporto, e possa DIO riportare tutti i nostri a casa in
salute "

Quando gli Hercules israeliani decollarono ,verso Entebbe , i
ministri israeliani si riunirono in una stanza da cui potevano
seguire tutta l'operazione via radio .

Nei suoi ricordi Rabin scrisse " seguire l'operazione via radio era
molto frustrante sentivi solo qualche parola ed ordini ma non sapevi
cosa succedeva esattamente , ma l'operazione fu brillante e fu
condotta come previsto senza nessuno sbaglio da parte nostra, la piu
brillante operazione mai avvenuta al di fuori del territorio
israeliano , quando l'ultimo degli Hercules decollo da Entebbe con
direzione Israele, i ministri Israeliani alzarono i loro bicchieri
per un brindisi, e tutti dissero LECHAIM ( alla vita ).

Poche ore dopo in tutte le strade di Israele la gente ballava, e da
tutto il mondo ( salvo rarissime eccezzioni ) giunsero sinceri
messaggi di amicizia e di complimenti ad Israele .

Quella probabilmente fu la notte piu lunga per Itzhack Rabin , ma
anche la piu bella.

Alon


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Entebbe 32 anni dopo

permalink | inviato da LiberaliPerIsraele il 3/7/2008 alle 22:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

sfoglia     giugno        agosto
 

 rubriche

Diario
La cucina ebraica
Filmati e humour
Documenti
Israele
Archivio
Ebraismo
Viale dei giusti e degli eroi
Made in Israel
Il meglio in libreria
Kibbutz

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

Komunistelli
il reazionario
animaliediritti
Facebook
yahoo gruppi
informazione
israele
ucei
hurricane
CERCO CASA
Esperimento
Antikom
societapertalivorno
iljester
lehaim
milleeunadonna
lideale
bendetto
focusonisrael
asianews
viva israele
giuliafresca
stefanorissetto
ilberrettoasonagli
pensieroliberale
jewishnewssite
ControCorrente
Fort
Centro Pannunzio
bosco100acri
essere liberi
Fiamma
Maralai
Nomi in Ebraico
Barbara
Raccoon
Salon-Voltaire
Frine
Serafico
Enzo Cumpostu
Israele-Dossier.info
Dilwica
300705
Deborah Fait
Nuvole di parole
calendario laico
gabbianourlante
imitidicthulhu
Fosca
Geppy Nitto
Topgonzo

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom